Pesce crudo: i benefici

 In Seaworld

Negli ultimi anni, grazie agli scambi culturali e a un’attenzione sempre maggiore verso un’alimentazione sana, il consumo di pesce crudo ha avuto uno slancio notevole, anche in Italia.

Una grande varietà

Oggi il consumo di pesce crudo è diffuso sotto forma di carpacci, tartare e piatti appartenenti a tradizioni gastronomiche lontane, come il sushi, il sashimi e il cirashi (giapponesi), il cebiche (del sud America)o il gravlax (dei paesi nordici). Le specie che più si prestano al consumo da crudo sono: tonno, ricciola, dentice, orata, capesante, seppie, aragosta, astice, gamberi, scampi e salmone.

Facciamo il pieno di salute

benefici per ossa, cervello, umore...

Il consumo di pesce crudo ha enormi benefici: il patrimonio di Omega-3, acidi grassi termolabili, resta inalterato e le qualità nutritive vengono preservate.

Il calcio

Inoltre il consumo crudo consente l’assunzione di calcio, che rinforza le ossa prevenendo l’osteoporosi, di ferro che toglie la stanchezza e di fosforo, iodio, sodio e fluoro.

Vitamine

E’ un alimento ricco anche di proteine e vitamine come la vitamina B1, B2, B5 e la vitamina E.

Omega 3

E’ stato dimostrato che gli Omega 3 contenuti nel pesce hanno un effetto positivo anche sull’umore. Attraverso una serie di esperimenti, gli scienziati hanno messo in luce che questi acidi grassi polinsaturi agiscono sui meccanismi nervosi che influiscono sulla depressione. Grazie agli Omega 3 l’umore migliora e diminuisce l’ansia! 

La sicurezza prima di tutto

Mangiare pesce crudo in sicurezza è possibile: deve essere abbattuto, cioè messo per almeno 96 ore in un congelatore che raggiunga i – 20°C. Questa procedura uccide il parassita Anisakis, mantenendo intatti il sapore e la consistenza della carne.

Il pesce crudo si può condire con olio evo e limone, o con salsa di soia, zenzero e wasabi.

Zenzero, scalogno o curcuma

Lo zenzero, usato di solito per accompagnare sushi e sashimi, ha un’azione protettiva su vasi e cuore. In alternativa si può marinare per mezz’ora in un’emulsione a base di limone e olio evo, con l’aggiunta delle erbe e delle spezie che si preferiscono. Per potenziare l’azione brucia-grassi del carpaccio di pesce possiamo aggiungere scalogno tagliato finissimo (o cipolla di Tropea) oppure curcuma che, oltre a insaporire, aiutano la circolazione con un benefico effetto sulla pressione.

Articoli correlati
Recent Posts
Ittica Brianza

La passione diventa gusto

Azienda familiare che dal 1997 s’impegna ad essere un’eccellenza nel mercato ittico: pesce freschissimo, preparato e cucinato per voi.

pesce marinato