fbpx

Fasolaro dell’Adriatico piccolo grande gioiello

 In Seaworld

L’alto Adriatico ci fa dono di un piccolo tesoro: il fasolaro, gustosissimo mollusco bivalve. Incontra le preferenze di moltissimi consumatori grazie al suo sapore delicato, alla consistenza morbida e carnosa. Siamo sicuri che sia già nella tua top 10 dei preferiti ma…conosciamolo meglio! Il fasolaro vive in una spessa conchiglia, lucida, dal colore cangiante tra il marrone e il rosa e caratterizzata da striature concentriche. All’interno è biancastro e ricorda la porcellana, possiede due valve, unite tra loro da legamenti. Grazie ai forti muscoli adduttori, il fasolaro riesce, con un grande sforzo, ad aprire e chiudere la sua conchiglia. Inoltre, grazie al muscolo del piede, passeggia sul fondale e scava agilmente delle buche.

Si acquistano freschissimi e super vivi

una volta acquistati dobbiamo pensare alla pulizia

I fasolari si acquistano ancora vivi: sul nostro banco li trovi freschissimi e, se proviamo a stuzzicare la conchiglia, possiamo vedere come il fasolaro si serra all’interno in modo quasi ermetico. Questo è possibile perché il fasolaro, una volta pescato, mantiene nelle proprie valve una quantità d’acqua tale da consentirgli di sopravvivere per alcuni giorni.

Come pulire i fasolari

Una volta acquistati dobbiamo pensare alla pulizia: in ammollo per circa 2 ore in una soluzione di acqua fredda e sale (un cucchiaio di sale grosso ogni litro di acqua). In questo modo consentiamo alla sabbia di fuoriuscire dalle valve. Dopo aver pulito i fasolari, si passa all’apertura: inseriamo un coltello dalla lama sottile fino al fondo della conghiglia, per incidere le valve e tagliare i legamenti. Eliminata poi la pellicina trasparente, possiamo toglierlo del tutto da l guscio.

I fasolari possono essere consumati in diversi modi: per un trionfo di profumi estivi ti consigliamo di gustarli crudi, con qualche gocce di limone e pepe nero.

In cucina

I fasolari possono anche essere cotti, diventando protagonisti di antipasti, primi e sautè. In questo caso dovremo, una volta estratti dalla conchiglia, battere i fasolari con un pestello, per rendere la loro carne più morbida e sottile. Una ricetta tipica del Veneto è a pasta con i fasolari dell’alto Adriatico: una volta pulito e aperto il fasolaro, viene soffritto in una padella dove in precedenza abbiamo fatto rosolare olio extravergine d’oliva, aglio, scalogno e vino bianco.

In alternativa a vongole e cozze

I fasolari ci consentono anche di apportare variazioni a piatti più comuni: in un sughetto di cipolla e pomodorini per un’alternativa allo spaghetto con le vongole oppure per un’originale impepata di fasolari.

Articoli correlati
Recent Posts
Ittica Brianza

La passione diventa gusto

Azienda familiare che dal 1997 s’impegna ad essere un’eccellenza nel mercato ittico: pesce freschissimo, preparato e cucinato per voi.

scialatielli salmone e pistacchisushi ittica brianza take away